Il contratto di rete e il suo utilizzo come forma di aggregazione aziendale

by Vanessa Gagliano | Apr 22, 2021 | Blog

Il contratto di rete rappresenta uno strumento giuridico-economico di cooperazione e aggregazione fra imprese, comportando una riduzione di costi ed una maggiore flessibilità contrattuale. Le imprese hanno la possibilità di raggiungere obiettivi di sviluppo superiori a quelli che riuscirebbero a perseguire agendo singolarmente sul mercato.

 

Qual è il suo scopo?

Attraverso la sottoscrizione di un contratto di rete, due o più imprese si impegnano reciprocamente, in attuazione di un programma comune, a collaborare allo scopo di raggiungere comuni e accrescere la propria capacità innovativa e competitività sul mercato. Oggetto del contratto è ciò che le imprese si impegnano a fare per realizzare gli obiettivi, potendo scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica oppure esercitare in comune un’attività.

La Rete di imprese costituisce un fenomeno “trasversale” rispetto alle altre forme aggregative: essa si configura ogni qualvolta alcune imprese – formalmente indipendenti – attuano, ad esempio, relazioni di co-produzione o di co-prestazione di servizi attraverso accordi incentrati su meccanismi di comunicazione e di coordinamento. Attraverso questo tipo di contratto, le imprese partecipanti possono conferire prodotti, servizi e competenze per la definizione di un processo innovativo o per la produzione di un nuovo bene/servizio che le imprese singolarmente non sarebbero in grado di fare, ponendosi in un rapporto di complementarità.

 

Elementi obbligatori del contratto di rete

Il contratto tra due o più imprese deve contenere alcuni elementi obbligatori, tra cui:

  • l’indicazione degli obiettivi strategici;
  • la definizione di un programma di rete, che deve contenere l’enunciazione dei diritti e degli obblighi assunti da ciascuna impresa partecipante e delle modalità di realizzazione dello scopo comune;
  • le modalità concordate per misurare l’avanzamento verso gli obiettivi;
  • la durata del contratto, che deve essere commisurata al tempo necessario per il raggiungimento degli obiettivi e degli scopi indicati nel programma di rete.

 

Fondo comune e organo comune

Il contratto di rete può prevedere la possibilità di istituire un fondo patrimoniale comune e la nomina di un organo comune incaricato di gestire, in nome e per conto dei partecipanti, l’esecuzione del contratto o di singole parti o fasi dello stesso.

 

Tipologie di contratto di rete

Esistono due tipologie di rete di imprese:

  • la Rete-Contratto, che non ha soggettività giuridica e può dotarsi di un fondo comune su base volontaria;
  • la Rete-Soggetto, che ha soggettività giuridica ed è obbligatoriamente dotata di fondo comune e di partita IVA.

 

Utilizzo come strumento di aggregazione aziendale

L’utilizzo del contratto di rete come strumento di aggregazione tra imprese rappresenta una scelta opportuna e strategicamente vincente per il mercato italiano, composto da un tessuto imprenditoriale caratterizzato da numerose realtà frammentate e di piccola e media dimensione, con eccellenti livelli di qualità, professionalità ed esperienza. Le imprese appartenenti a settori come quello chimico, manifatturiero, energie rinnovabili, istruzione e moda, per citarne alcuni, presentano ampi margini di sviluppo sul piano delle aggregazioni in contratti di rete, che permetterebbero loro di consolidare ed espandere la propria presenza sul mercato.

 

    Move your business forward.
    Choose LPD as your trusted Advisor.